Friday, 1 July 2011



by Francesca Valerio Invernizzi Can'tacceptanymorefriends on Sunday, 05 June 2011 at 08:09

Cc: RCMP (Richmond detachment) 
Cc: BC Ministry of Attorney General 
To Whom It May Concern:

To: Vancouver Police Department
Cc: RCMP (Richmond detachment)

Cc: BC Ministry of Attorney General
To Whom It May Concern:

I am one of many concerned citizens who have become starkly aware of certain
criminal matters that are ongoing in our community and abroad. I am a target of
these crimes and I feel that they are not being addressed by the police as they
should be. I am far from alone in feeling this way.

I will get right to the point by asking you some pertinent questions that
need to be answered:

1) Why do your police officers continually deny any knowledge of what is
commonly referred to as 'gang stalking', 'organized stalking', or 'cause

2) Why do your officers refuse to investigate this crime when it is reported
to them by those who are being targeted?

3) Why do your officers not seem at all concerned that they are coming under
greater and greater suspicion by the targets of these crimes, who feel more and
more certain that the police are involved in assisting the perpetrators and even
orchestrating or otherwise directing their activities?

4) What are you doing to assure that 'community watch groups' and 'police
agents' are not targeting innocent people in these crimes, using the power you
have entrusted in them?

5) How does a targeted person go about determining if they have been placed
on police 'community notification lists' or 'watch lists', and how do they go
about having themselves removed from such lists?

6) What is the full extent of these lists, i.e. how widely are they
distributed, to whom are they distributed, and how often are they

7) What sort of information, confidential or otherwise, do you share with
community watch groups and police agents regarding certain individuals of
interest to you?

8) What are the procedures that are involved in a 'threat assessment' when a
person makes claims of being harassed, threatened, or abused?

9) What sort of 'threat assessment' teams or investigative parties exist
outside of the Police Department, and who are they?

10) What is the extent of the 'investigative advice' that you provide for
investigative parties that exist outside of the Police Department?

11) Is a person who has a criminal record eligible for training by the
Criminal Harassment Unit, if so requested?

I hope that these questions will be answered promptly and satisfactorily in
order to ease growing suspicions among the public, and I hope that these answers
will be able to help myself and others in understanding that the protection of
our health and safety should be of as much a priority to you and your officers
as is anyone else's, and that the public as a whole can depend on you and your
officers to recognize this epidemic criminal activity and uphold the law in
these matters as much as they do in any other matter where an ongoing crime is
being committed.

Gang-stalking is an ongoing crime that is occurring more and more often
within many communities, both in this country and abroad. It involves dangerous
and threatening activities against specifically targeted people, and leaves
those targets feeling isolated and unprotected within their own community, with
nowhere to turn for help. It involves both psychological harassment and physical
violence that usually comes from many simultaneous fronts at once, or in an
alternating pattern, and over a very long period of time (usually years). It
often leads to temporary mental or physical breakdown, which only adds to the
problem by stereotyping the target as mentally ill, which gives those in
authority (police and doctors, among others) an excuse to disregard their
otherwise valid claims of being victims of such harassment and violent abuse.
Generally, authorities seem to be overly complacent about the reality of this

Gang-stalking includes virtually the same forms of abuse that you define as
'domestic violence' on your website, except that the perpetrators and targets in
gang-stalking situations are not partners in a relationship. However,
gang-stalking involves coordinated attacks by a multitude of perpetrators,
whereas victims of domestic violence usually have only one perpetrator. Also, in
cases of domestic violence, the victim knows who their perpetrator is, whereas
in cases of gang-stalking, the target usually has no idea of who or how many
perpetrators they are dealing with. It appears that in almost every case,
complete strangers to the target are involved, as much as are known

Targets of gang-stalking need to feel assured that they have somewhere to
turn where they will not be made to feel that they are not believed, and where
they can expect something will be done to protect them, just as victims of
domestic violence are. Currently, targets of gang-stalking are reluctant to go
to the police, due to the fact that they are quickly coming to believe that the
police are involved in both orchestrating and directly assisting in the
perpetration of these crimes. This belief that the police (and other government
agencies as well) are involved in these matters should be of extreme concern to
you, since targets are now coming together on the Internet and sharing their
stories, and from hearing these stories, many are coming to believe that the
police are not going to help them. If you and your officers continue to ignore
the fact that these crimes are occurring to the degree that they are, some of
these targets will eventually be forced to take action into their own hands, and
this will not result in anything good for anybody, including the reputation of
the police as protectors of the peace and servants of the community.

Gang-stalking goes beyond both domestic violence and criminal harassment in
that it involves a coordinated effort by multiple perpetrators in a manner that
avoids the possibility of any one perpetrator being seen to commit either of
these offences as defined in the Criminal Code of Canada. Since you and your
officers do not currently recognize gang-stalking as the unique form of crime
that it is, this allows and even encourages perpetrators to engage in further
crimes against their targets, including slander, invasion of privacy,
psychological torture, illegal electronic surveillance, sexual exploitation,
blackmail, etc.
- kidnapping
- the unauthorised use of technology
- an attempt to threaten the physical safety of an individual
- causing damage to health and mind
- torture
- violation of privacy
- violation of human rights
- manipulation and conspiracy
- persecution
- brainwashing
- obstructing justice (code of honour)
- workplace bullying
- many other minor crimes

This crime of gang-stalking needs to be properly recognized and addressed
now! I hope to hear from you soon so that my questions can be answered.

Sincerely and Respectfully,

Anthony K. Forwood


From a letter of a target individual and writer Anthony K. Forwood
italian translation:

A tutti gli interessati: Lettera dello scrittore e target individual Anthony Forwood
Al Ministero Pubblico e dipartimento di Polizia di Vancouver

Sono uno dei molti cittadini preoccupati che si sono resi
conto senza ombra di dubbio di alcuni fatti criminali in atto nella nostra
comunità e all'estero. Sono una delle vittime di tali crimini e ritengo che non
siano perseguiti dalla polizia con la dovuta attenzione; non sono certo il solo
a pensare in questo modo.

Vengo subito al punto ponendo alcune domande pertinenti che
esigono risposte.

1) Perché i funzionari di polizia continuano a negare di
essere al corrente dei fenomeni a cui normalmente ci si riferisce con i termini
“gang stalking”, “stalking organizzato” o “stalking per una causa”?

2) Perché i funzionari di polizia si rifiutano di indagare su questi
crimini quando vengono loro segnalati dalle vittime?

3) Perché i funzionari di polizia non sembrano affatto preoccupati di
essere oggetto di sospetti sempre maggiori da parte delle vittime di questi
crimini, che vanno maturando la certezza del coinvolgimento della polizia nel
fiancheggiarne gli esecutori (persecutori) o addirittura di guidarne la regia o dirigerne le
attività in altri modi?

4) Che cosa si sta facendo per garantire che i “gruppi sociali
di osservazione” e gli “agenti di polizia” non prendano di mira con questi
crimini persone innocenti, abusando dei poteri loro affidati?

5) Come deve comportarsi una vittima per accertare se sia
stata posta in “liste di attenzione per la comunità” o “liste di osservazione”
e come può farsi cancellare da tali liste?

6) Qual è l’estensione completa di queste liste, ovvero in
quali aree sono distribuite, a chi e con quale frequenza?

7) Quali informazioni, riservate o meno, relative alle persone
di interesse sono condivise con i gruppi sociali di osservazione e con gli
agenti di polizia?

8) Quali sono le procedure applicate per la "valutazione
della minaccia" quando una persona denuncia di essere molestata,
minacciata o insultata?

9) Quali tipi di team di “valutazione della minaccia” o di
squadre investigative esistono al di fuori del Dipartimento di polizia e da chi
sono composti?

10) Qual è l'entità dei "suggerimenti di indagine"
forniti alle squadre investigative esistenti al di fuori dei Dipartimenti di

11) Una persona dalla fedina penale non immacolata è idonea
per l’addestramento da parte dell’Unità contro le molestie criminali, se

Spero di ricevere risposte tempestive e soddisfacenti alle
domande poste per mettere a tacere i sospetti crescenti tra il pubblico e spero
che tali risposte possano aiutare me e altri a credere che la nostra salute e
la nostra sicurezza abbiano per i funzionari delle forze dell'ordine la stessa priorità di quelle di
tutti gli altri, che il pubblico in generale possa affidarsi alla Polizia per
identificare questa attività criminosa epidemica e per difendere la legalità in
questi casi esattamente come in qualunque altro caso in cui vengano commessi
crimini continuativi.

Il gang stalking è un crimine continuativo sempre più
frequente in molte comunità, sia in questo paese sia all’estero. Implica
attività pericolose e intimidatorie contro vittime identificate specificamente,
lasciandole isolate e prive di protezione nella loro stessa comunità, senza
nessuno cui rivolgersi per aiuto. Implica sia molestie psicologiche sia
violenza fisica, in genere provenienti simultaneamente da molti fronti, oppure
con schemi di alternanza, per periodi molto lunghi (solitamente anni). Conduce
spesso a crolli temporanei fisici o mentali, con il risultato di aggravare il
problema etichettando la vittima come malata di mente e fornendo alle autorità
(polizia e medici, ad esempio) una scusa per trascurare le denunce, peraltro
valide, delle vittime di molestie, abusi e violenze. In generale, le autorità
sembrano essere eccessivamente compiacenti circa la realtà della situazione.

Il gang stalking comprende praticamente le stesse forme di
abuso definite “violenza domestica” sul vostro sito web, salvo per il fatto che
gli esecutori e le vittime nelle situazioni di gang stalking non sono partner
in un rapporto. Tuttavia, il gang stalking comprende anche attacchi coordinati
da parte di numerosi esecutori, mentre le vittime della violenza domestica
generalmente hanno di fronte un solo esecutore. Peraltro, nei casi di violenza
domestica, la vittima sa chi è il colpevole, mentre nei casi di gang stalking
la vittima solitamente non ha idea di quali e di quanti siano gli esecutori (persecutori)
coinvolti. Sembra che nella quasi totalità dei casi siano coinvolte persone
completamente estranee alla vittima per quanto lo possano essere esecutori

Le vittime del gang stalking hanno bisogno di essere
rassicurate, di sapere che possono rivolgersi a qualcuno che non si dimostri
incredulo e dal quale possano attendersi protezione, proprio come le vittime
della violenza domestica. Attualmente, le vittime del gang stalking esitano a
rivolgersi alla polizia, in quanto si stanno velocemente convincendo che la polizia
sia coinvolta sia nella regia sia nell’esecuzione diretta di questi crimini. La
convinzione che la polizia (e anche altre agenzie governative) sia coinvolta in
questi atti dovrebbe essere estremamente preoccupante, poiché ormai le vittime
si riuniscono su Internet e condividono le proprie storie; ascoltando questi
racconti, molte vittime si convincono che la polizia non le aiuteràSe i vostri
funzionari continuano a ignorare il fatto che questi crimini avvengano e la
dimensione che stanno assumendo, alcune delle vittime saranno prima o poi
costrette ad agire in prima persona e ciò non sarà un bene per alcuno, tanto
meno per la reputazione della polizia come tutore della pace al servizio della

Il gang stalking va oltre la violenza domestica e le molestie
criminali, in quanto implica uno sforzo coordinato da parte di più esecutori (persecutori) in
modo da evitare che uno qualunque di essi sia visto commettere uno di questi
reati, così come definiti dal Codice penale del Canada. Poiché il gang stalking
non è attualmente riconosciuto da voi e dai vostri funzionari come una forma
specifica di crimine, ovvero per ciò che in realtà è, gli esecutori (persecutori)non solo
possono, ma sono addirittura incoraggiati a commettere ulteriori crimini contro
le loro vittime, crimini che comprendono la calunnia, la violazione della
privacy, la tortura psicologica, la sorveglianza elettronica illegale, lo
sfruttamento sessuale, il ricatto ecc.sequestro di persona
- utilizzo di tecnologia non autorizzata
- attentato alla incolumità fisica della persona
- danni alla salute e danni cerebrali
- tortura
- violazione della privacy
- violazione dei diritti umani
- manipolazione e complotto
- persecuzione
- lavaggio del cervello
- ostacolo alla giustizia (omertà)
- mobbing
- tanti altri reati minori

Il gang stalking è un crimine: occorre riconoscerlo e
provvedere subito! Resto in attesa di tempestive risposte alle mie domande.

Distinti saluti,

Anthony K. Forwood

(Anti-Gang-Stalking Network – Rete contro il gang stalking)